Amministrazione trasparente

 

ACCESSO CIVICO

 

Il D.lgs. 33/2013 ha introdotto l'istituto dell'accesso civico.

 

Ad oggi si possono quindi evidenziare tre forme di accesso:

1) l’accesso agli atti amministrativi o accesso documentale, previsto dalla L. 241/90, che prevede un interesse diretto, concreto e attuale verso l'atto o il documento o la pratica in possesso di un'amministrazione pubblica per la tutela di situazioni giuridicamente rilevanti.

2) l'accesso civico è il diritto generalizzato dei cittadini di accedere alle informazioni e i documenti concernenti l’organizzazione e le attività che le pubbliche amministrazioni devono pubblicare in base al D. Lgs. 14/03/13 n. 33.

L’ordine ha 30 giorni di tempo per procedere alla pubblicazione dei dati o dei documenti richiesti, nel proprio sito istituzionale e alla contestuale trasmissione al richiedente ovvero alla comunicazione dell’avvenuta pubblicazione indicando il collegamento ipertestuale delle pagine pubblicate.

3) l'accesso civico generalizzato, introdotto con il D.lgs. 97/2017, è il diritto generalizzato dei cittadini di accedere ai dati, ai documenti e alle informazioni anche ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione ai sensi del decreto che norma la trasparenza.

La richiesta di accesso civico:

- non è sottoposta ad alcuna limitazione quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente;

- non deve essere motivata;

- è gratuita;

- deve essere presentata al Responsabile della Trasparenza, che si pronuncia sulla stessa;

La disciplina prevista per le pubbliche amministrazioni si applica, in quanto compatibile, limitatamente ai dati e ai documenti inerenti all'attività di pubblico interesse disciplinata dal diritto nazionale o dell'Unione europea, alle società in partecipazione pubblica che esercitano funzioni amministrative, attività di produzione di beni e servizi a favore delle amministrazioni pubbliche o di gestione di servizi pubblici. (art. 2 bis, comma 3, D.lgs. 33/2013).

 

Il Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza di GeSTe s.r.l. è Chiara Tani contattabile all'indirizzo:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Amministrazione trasparente

         
  LIVELLO B LIVELLO C LIVELLO D TOTALE
Tempo indeterminato 48 6 0 54
Tempo indeterminato -L68/99 4 0 0 4
        58

Aggiornamento al 01.06.2020

Amministrazione trasparente

Al fine di poter adempire correttamente alla normativa in merito all’obbligo di fatturazione elettronica per le cessioni di beni e prestazioni di servizi prevista della Legge di Bilancio 2018, che decorrerà dal 01.01.19,  comunichiamo il nostro “Codice destinatario”

 

Codice Fiscale: 01753700507

Partita Iva: 01753700507

Denominazione: Gestione Servizi Territoriali GeSTe Srl

Indirizzo: Via G.B. Niccolini 25 San Giuliano Terme (PI)

Codice Destinatario: M5UXCR1

Amministrazione trasparente

ENTI DI DIRITTO PRIVATO CONTROLLATI
(Art.22, c.1. lett. c e c.2-3- del D.lgs. 33/2013)

 

Alla data odierna Gestione Servizi Territoriali GeSTe Srl non ha, e non ha
mai avuto, Enti di diritto privato controllati.

 

Aggiornamento al 22 giugno 2020

Amministrazione trasparente

         
  LIVELLO B LIVELLO C LIVELLO D TOTALE
Tempo indeterminato 48 6 0 54
Tempo indeterminato -L68/99 4 0 0 4
        58

Aggiornamento al 01.03.2019

Amministrazione trasparente

IBAN DEI C/C DELLA SOCIETÀ

 

A seguire i dati dei c/c della società da utilizzare per eventuali pagamenti:

Banca di Pisa e Fornacette Agenzia della Fontina

IBAN: IT 25 D 08562 25300 000010572667

 

BANCO BPM-Agenzia 1 di Pisa

IBAN: IT 18 Z 05034 14011 000000004304

Amministrazione trasparente

SOCIETA’ PARTECIPATE
(Art.22, c.1. lett. b e c.2-3- del D.lgs. 33/2013)

 

Alla data odierna Gestione Servizi Territoriali GeSTe Srl non possiede, e
non ha mai posseduto, società partecipate.

 

Aggiornamento al 22 giugno 2020

Torna su